RTS – 2015 “Regata Torri Saracene”

 

SORRENTO – SAPRI  (Sabato 6 Giugno)
Partiti in sordina, ma con una grande voglia di fare bene tra 42 barche iscritte alla RTS di cui alcune blasonate che concorrono in regate nazionali, ci piazziamo immediatamente nel gruppo di testa e proseguiamo con la dovuta aggressività di chi non vuole essere spettatore ma protagonista. Arriviamo a Punta Cpanella molto presto, ma, ahimè, incocciamo in una calma di vento che dura oltre un ora. Questo consente ai nostri avversari di recuperare e superarci. Dopo molte peripezie riusciamo a venire fuori da questa bonaccia, armiamo lo spinnaker e ripartiamo. Questa volta però il vento ci sostiene. 18 nodi di vento. La barca vola letteralmente, 6,7,8 e anche punte di 9 nodi di velocità in planata che per un 32 piedi sono tanti. Basta un attimo di distrazione e rischi di straorzare. Ma siamo agguerriti e nulla ci ferma. Arriviamo sotto Punta Licosya che c’è ancora luce, mentre osserviamo in alcuni punti lampi e tuoni che scuotono l’aria, mentre il cielo si incupisce, veniamo a sapere successivamente che alcune barche hanno subito delle ‘bombe d’acqua’ che hanno messo a dura prova gli equipaggi. Scende la notte, siamo diretti ad Acciaroli, dove dobbiamo trovare una cancello da passare nel buio, momento molto delicato in quanto la mancata osservanza ha come penalità la squalifica. Riusciamo a trovare e passare il cancello, mentre…..spettacolo della natura, da dietro una collina sorge una spettacolare e gigantesca luna rossa.
Approfittiamo per ‘azzannare’ una parmigiana di melanzane e bere qualche bicchiere di vino mentre navighiamo alla volta di Capo Palinuro. Finito questo pasto frugale, Ginetto e Angelo vanno a riposarsi, mentre il mio amico Marcello ed io governiamo la barca. Il vento aumenta, siamo con la falchetta nell’acqua, alleggeriamo un pò la pressione dell’aria sulle vele scarrellando la randa  e voliamo letteralmente fino a cinque miglia da Capo Palinuro provando un’emozione indescrivibile. Poi il vento calma all’improvviso, ma nel frattempo abbiamo riacciuffato il gruppo di testa praticamente fermo per assenza di vento. Contiamo le luci sugli alberi delle barche…..incredibile, ci sono 10/15 barche quasi ferme. Questa volta noi, riusciamo a trovare un canale di vento e piano piano mettiamo tutte le barche dietro. Man mano che ci allontaniamo il vento ci sostiene sempre di più e approfittiamo per allungare  mentre vediamo le barche ancora ferme alle nostre spalle. Sono le 4 del mattino  e noi siamo svegli da almeno da 20 ore. Nel frattempo Gino e Angelo si sono svegliati e ci vengono a dare il cambio. Ci infiliamo nelle nostre cuccette e crolliamo dalla stanchezza. Dormiamo fino alle 6:30 del mattino, svegliandoci con un buon profumo di caffè, ci alziamo e riprendiamo la conduzione della barca in quattro. Gino e Angelo sono riusciti a non perdere il vantaggio accumulato. Abbiamo ancora parecchie barche alle spalle che vediamo in lontananza. Riusciamo a prendere di nuovo il vento e dopo un avvincente duello con Alben II, imbarcazione del segugio Antonio Camozzi, tagliamo il traguardo a Sapri alle ore 13:11 dopo 22h e 11′ di navigazione. BELLISIMA REGATA. Ormeggiamo nel porto di Sapri, siamo letteralmente distrutti dalla stanchezza ci chiudiamo in barca mentre fuori imperversa un temporale e dormiamo fino a sera…….😎

BENVENUTI A SAPRI (Domenica 7 Giugno)

Man mano arrivano tutte le altre imbarcazioni, che aiutate dagli ormeggiatori del porto si sistemano lungo i pontili.
A sera ci rechiamo nell’Info-Point della LNI di Sapri dove ci viene offerto un buffet di benvenuto mentre si discute tra gli equipaggi delle difficoltà incontrate durante la regata. Poi arriva qualcuno che affigge la classifica della regata da Sorrento a Sapri e, con nostra grande sorpresa troviamo in classifica generale la nostra barca, Mahatma (classe 5) al 3° posto, mentre al 2° posto ‘Globulo Rosso’ (Classe 4) e al primo posto ‘Joshua’ (Classe 5) mentre siamo al 2° posto di classe. Quasi non ci crediamo, in quanto le due imbarcazioni che ci precedono sono condotte da equipaggi professionisti che gareggiano in circuiti nazionali tutto l’anno, dotate di attrezzature sofisticatissime ed un alto livello di preparazione. La nostra soddisfazione è al culmine e la gioia di quel risultato quasi ci fa dimenticare la stanchezza della regata. Pian piano però gli equipaggi si sciolgono e ognuno si dirige verso la propria imbarcazione per il meritato riposo……

GARA CULINARIA (Lunedi 8 Giugno)
Mattinata dedicata allo shopping, e, per molte signore a seguito della regata agli acquisti per la gara culinaria che si terrà in serata. La gara consiste nel cucinare a bordo della propria imbarcazione una propria specialità in quantità tale da farla assaggiare ad una apposita giuria, oltre che ai partecipanti della regata. La giuria assegnerà un voto ad ogni piatto stilando alla fine una classifica che decreterà il vincitore. Verso le 13 si rientra al porto dove gli equipaggi si organizzano o sulla propria barca o insieme ad equipaggi di amici un lauto pranzetto in attesa della serata. Il tempo fa ancora le bizze, e puntuale ad una certa ora ricomincia il temporale. Ma noi abbiamo già pranzato e chiusi in barca provvediamo, come dice il mio amico Gino, al nostro ‘Scapezzone’ (pennichella) post pasto.
In serata ci ritroviamo tutti nell’Info-Point della LNI di Sapri, dove inizia la gara culinaria. Accade di tutto e di più, ressa ai tavoli, spintoni, marcamenti, smarcamenti per accaparrarsi qualche cosa da mangiare……Terribile!
Alla fine facendo le opportune addizioni dei punteggi dei vari giudici, calcolando la parallasse, la longitudine, la latidudine, l’ora locale e le bottiglie di vino consumate,  la giuria decreta il vincitore per la preparazione di un suo piatto speciale dedicato alla……’patata’.
Insomma…..che dire……non so!…….annàmo a nanna che è mejo, come dicono i romani……

RTS 2015 – Pronti a partire

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“MAHATMA” – STAG 32

Anche quest’anno, nonostante una certa riluttanza a partecipare alla Regata delle Torri Saracene, ben conoscendo quanto la stessa sia massacrante ed impegnativa, alla fine non sono riuscito a resistere al suo fascino. Parteciperò facendo equipaggio su ‘Mahatma’, Stag 32 del mio amico Ginetto. Seguiteci in questa nuova impresa, vi terrò aggiornati giorno dopo giorno con post e foto anche su FB, Twitter e WhatsApp.
Partenza sabato 6 Giugno alle ore 11:00 da Sorrento per Sapri. Circa 100 miglia da percorrere senza interruzioni.
Rientro Domenica 14 Giugno.
Brontolo

MAURO – SKIPPERNUMBERONE@HOTMAIL.IT

Mauro – skippernumberone@hotmail.it – IP 93.41.42.248

1) So chi sei; non è stato molto difficile scoprirlo, anche se come tutti i vigliacchi ti nascondi dietro una falsa mail, ma fingerò di non saperlo appena ti incontrerò.
2) Un consiglio affettuoso, fatti aiutare da uno psichiatra, ne hai bisogno. Non è un pensiero mio, ma quello di tutta la banchina che frequenti.
3) Dovresti sapere che tutti i commenti messi su un blog diventano visibili solo dopo l’approvazione dell’amministratore, e l’amministratore sono io.
4) Non rispondere a questo post, in quanto una eventuale risposta non la leggerò neanche io, finirà direttamente nella spazzatura, luogo più consono ai commenti di una mente bacata come la tua.

CUCINA MEDITERRANEA

Siamo in tema di EXPO2015, e voglio proporvi di seguito alcune pietanze tipicamente mediterranee che durante la nostra calda estate vanno per la maggiore:

IMG_4780

Mozzarella di bufala, pomodorini e basilico

La mozzarella di bufala, deve essere freschissima e di provenienza certificata, come il basilico e i pomodorini devono essere appena colti. Condita con un filo di olio extravergine e un pizzico di sale, accompagnata da una  bottiglia di vino bianco freddo in compagnia di qualche buon amico con cui condividere il tutto è una delle nostre più grandi passioni mediterranee. Non ci credete?
Provate a cliccare sull’immagine….fissatela per qualche secondo, e ditemi se le vostre ghiandole salivari restano indifferenti.

DSCN0016

Trancio di Treccia ripieno di tonno, olive e pomodorini

Questa invece è una variazione di quanto sopra, si ordina dal nostro produttore di fiducia una cosiddetta “pettola”, altro non è che una sfoglia di mozzarella freschissima a forma di quadrato e di dimensioni intorno ai  20/40 cm di lato con uno spessore di circa mezzo centimetro. Si stende su un tavolo e si farcisce stendendola su tutta la superficie di una insalata di tonno all’olio di oliva, pomodorini tagliati a piccoli pezzettini, olive bianche tagliate senza nocciolo e basilico fresco. Fatto questo, arrotolatela pian pianino e avvolgetela in una pellicola trasparente. Al momento di utilizzarla, tagliatela a fette di circa 1,5 centimetri e servitela agli ospiti, Osservate le loro facce quando cominceranno a gustarla. Cliccate, cliccate pure sull’immagine.

IMG_5134

Peperoncini verdi di fiume

Questa è un’altra nostra delizia estiva, facile da preparare e gustosissima, che si accompagna in maniera eccellente come tutti i peperoni con una bella provola affumicata freschissima.

spaghetti a vongole

Spaghetti a vongole

Spaghetti a vongole, che dire …..un piatto istituzionale.

 

CALDO, MITOLOGIA E PARASSITI.

Dopo aver divagato nel post precedente su “Scipione”, che ricordo deriva dall’antico soprannome latino Scipio Scipionis, significante “bastone” e “Caronte” noto traghettatore di anime, per rimanere in tema ecco che la triade si conclude con “Minosse”. Non vi sto a raccontare la storia di quest’ultimo personaggio mitologico… 8 figli, un pò cornuto perchè dopo la morte del suo padre adottivo, per dimostrare di avere comunque diritto al trono quale legittimo successore, fece costruire un altare Continua a leggere